London is the place to be

London is the place to be. È questa l'aria che si respira nella capitale britannica nel pieno della fashion week. Un vibe ricco di positività, ottimismo, ma soprattutto creatività. Perché è proprio dalla London fashion week che sembrano partire i nuovo trend e non parliamo solo di sfilate e presentazioni. Già sulla strada si respira fashion forse anche per l'invito della presidente del british fashion council Natalie Massenet di vestirsi bene perché Londra in questi giorni e sotto i riflettori del fashion world. O forse per le 75 bandiere dedicate alla London fashion week che sventolano lungo la centrale Oxford street. Sta di fatto che Londra in poche stagioni sembra essere diventata la capitale più cool, tra una New York con poco spessore, una Milano in cerca di rinnovamento e una Parigi troppo sicura dei suoi nomi.

Iniziata venerdì, sabato la fashion week e entrata nel vivo con l'inaugurazione di Longchamp, con party esclusivo all'interno del nuovo store di Regent street con Alexa Chung e Pixie Geldof alla consolle e la sfilata di J.w. Anderson, nelle mire pare di Lvmh, mentre domenica è il turno di hot names come Mary Katrantzou e Jonathan Saunders o icone brit come Vivienne Westwood e Paul Smith. e Lunedi non mancheranno le sorprese con Christipher Kane, Burberry e Tom Ford.

 

Questo sito utilizza i cookies per migliorare il servizio offerto. I cookies impiegati sono solo quelli essenziali per il funzionamento del sito e sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookies e come cancellarli leggi la direttiva europea.

Accetta i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information