I diari di Carry e il suo guardaroba

Per chi ne avesse sentito la mancanza, niente paura, sono tornate le avventure sgangherate di Carrie Bradshaw, ma in versione adolescenziale.

Giovedì sera, infatti, è andato in onda in prima tv assoluta su Mya di Mediaset Premium il 1° episodio della prima stagione di The Carrie Diaries, (in America su Cw dal 14 gennaio), che racconta gli anni giovanili della protagonista di Sex and the City. I rimandi ci sono tutti, come i no decisi alla palestra e alla cucina, il diario scritto davanti alla finestra, l'amore per la città e per la scrittura, anche se i produttori hanno tenuto a precisare che il telefilm non è un prequel diretto della nota serie televisiva ambientata a Manhattan ma un adattamento dell'omonimo romanzo di Candace Bushnell.

A dare il volto alla giovane Carrie, l’attrice 19enne AnnaSophia Robb, (Un ponte per Terabithia e Soul Surfer), che interpreta una vera e propria icona anni 80 alle prese con i primi problemi adolescenziali come la scuola, le amiche, i primi amori, il sesso e il suo grande sogno ovvero diventare una scrittrice famosa e trasferirsi a New York. Un vero e proprio amarcord dei famosi Eighties a partire dai suoi outfit, studiati ad hoc dal costumista ex modello Eric Damam, lo stesso di Gossip Girl, che ha sapientemente mescolato couturier come Valentino, Dior e Balmain, a capi di designer americani dal sapore più streetwear come Alexander Wang, Rag & Bone e Current Eliott. Non mancano le griffe più amate dalle teenager, segmento che la fiction ha cercato di conquistare, come H&M e Topshop insieme a Marc by Marc Jacobs, fedelissimo in tutte le tredici puntate. C’è posto anche per gli accessori come la borsa personalizzata Carrie realizzata apposta da Mark Cross e un pendant con la lettera "C" di Alex Woo, da cui la protagonista non si separerà mai. Dal set televisivo alla vita quotidiana il passo è breve.

“La Carries Diares” mania, ovvero un mix and match di moda, tra passato e attualità, ha contagiato i trend dedicati alla primavera estate con maglioni con righe flou, golfini a pois, skinny jeans e chiaramente gonne in stile tutù e tante, tante, paillettes, che ritroviamo oggi sulle passerelle e che saranno oggetto di culto per ragazzine e non solo. Carrie è tornata, forse non se ne era mai andata ma di sicuro è qui per restare.

Questo sito utilizza i cookies per migliorare il servizio offerto. I cookies impiegati sono solo quelli essenziali per il funzionamento del sito e sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookies e come cancellarli leggi la direttiva europea.

Accetta i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information