Re Panettone: adesso è Natale

Il panettone, dolce tipico milanese e simbolo del Natale darà il meglio di sé il 28 e il 29 novembre durante l’ottava edizione di Re Panettone. A partire da sabato, alla Fabbrica del Vapore di Milano, 40 pasticcieri eccellenti, provenienti da tutt’Italia presenteranno le loro creazioni più golose.

I panettoni in degustazione a Milano sono il meglio della pasticceria artigianale. «Il panettone artigianale – spiega Stanislao Porzio, ideatore e organizzatore della manifestazione – è un dolce che si presta bene alle variazioni sul tema. Oltre riscoprire i grani antichi, il panettone si presta bene al rinnovamento della tradizione. Per esempio a Re Panettone potremo assaggiare il panettone al mandarino e castagne di Roberto Cantolacqua della pasticceria Mimosa di Tolentino e quello al chinotto di Mauro Morandin di Saint-Vincent e il panettone al caffellatte di Carmen Vecchione di Dolciarte di Avellino. Non mancano le varianti salate come il panettone al tartufo bianco della Pasticceria Mazzali di Governolo (Mantova) , alla birra di Mauro Morandin o il panettone alle olive verdi e vermut di Gabriele Ciacci di Poggibonsi».

 

Re Panettone è reduce da una trasferta a Napoli, dove il 16 novembre si è chiusa la prima edizione di Re Panettone a Napoli. All’ombra del Vesuvio si sono consumati più di 10 i quintali di panettone in due giorni, tra degustazione e vendita. Ben 23 i pasticcieri sono intervenuti da tutta Italia, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia. In tutto 2500 i visitatori, circa mille nella giornata di sabato e oltre 1500 nella giornata di domenica. «Il successo della prima edizione – continua Porzio - sigla il gemellaggio Milano – Napoli e che ci sprona a ripetere l’evento anche il prossimo anno».

Oltre alla ricetta tradizionale milanese, i 23 pasticcieri hanno presentato circa 100 varianti del lievitato delle feste giocando con abbinamenti originali, ingredienti insoliti e più tradizionali accostamenti. Tra le novità presentate il Pan sfogliatella di De Vivo di Pompei inedito incontro tra la sfogliatella napoletana e il lievitato meneghino, la Pastiera Lievitata di Alfonso Pepe e il Millefiori, un panettone ricoperto di  struffoli di Sal De Riso. La Pasticceria Gabbiano di Pompei ha portato in degustazione una rivisitazione della focaccia degli antichi Romani “settanta9 d.C.” impastata con farina integrale e profumata alla cannella, con mele e mandorle.

 

Tornando a Milano questo week end vedrà otto Degustazioni Mirate al giorno, dedicate ciascuna a un diverso pasticciere e prenotabili online. Gli artigiani del sabato verranno intervistati da Patrizia Frisoli (collaboratrice dei siti Mangiare Bene e Cibus, e docente dell’Ateneo di Nerviano) e quelli della domenica da Elena Barusco (autrice di programmi radiofonici sul cibo e di libri per Slow Food editore), e al termine si degusteranno i loro prodotti. Una degustazione mirata costa 5 euro ma vi sono agevolazioni per chi s’iscrive a più degustazioni. Con 5 euro è possibile anche acquistare un calice presso il wine bar di Civiltà del bere (periodico enologico), dove si possono degustare diversi vini senza ulteriori costi.

 

 

È bene ricordare che tutti i panettoni presentati sono rigorosamente artigianali, realizzati senza ingredienti che ne prolunghino artificialmente la vita (come i conservanti e i mono- e digliceridi utilizzati dall’industria), né semilavorati che ne facilitino la produzione artigianale, omogeneizzandone i sapori (lieviti disidratati e mix). L’obiettivo di Re Panettone è esaltare la naturalità, la qualità, la freschezza dei prodotti da una parte e la capacità tecnica e l’originalità creativa dell’artigiano dall’altra.

 

Anche quest’anno sono previste analisi a cura del Dipartimento DeFens dell’Università Statale di Milano, per controllare la conformità al disciplinare dei dolci presenti. Ogni lievitato di alta pasticceria sarà messo in vendita al costo di 22 euro al chilo, un “prezzo politico” per promuovere la qualità.

 

Due le competizioni. Il Premio I PanGiuso, sostenuto da Giuso, individua il panettone e il lievitato innovativo migliori; in giuria fra gli altri i maestri Sal De Riso e Alfonso Pepe, e i giornalisti Roberta Schira, Pier Bergonzi e Marco Mangiarotti.

L’ingresso sarà a inviti con registrazione, scaricabili gratis dal sito web www.repanettone.it, oppure compilabili in cartaceo nella sede dell’evento.

Questo sito utilizza i cookies per migliorare il servizio offerto. I cookies impiegati sono solo quelli essenziali per il funzionamento del sito e sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookies e come cancellarli leggi la direttiva europea.

Accetta i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information