Il Grande Gatsby, la vita è un romanzo

Ad Ashville, mentre cerca un bagno, Francis Scott Fitzgerald incontra dentro una toilette per uomini uno scrittore in erba. Quarant'anni dopo, in After the Good Gay Years, Tony Buttitta, sì proprio lui, il giovanotto, narra di quell'estate del 1935 e della amicizia che ne seguì. Lo vide quella prima volta non così bello e ricco come se lo era immaginato, ma un uomo di 39 anni cupo e rassegnato. In una parola, démodé. In effetti la storia di Fitzgerald non ha un happy end. Lui, dalla vita inventata ad arte, non ha saputo rendere arte il quotidiano.

 

Lo ha trasformato in romanzo, certo, ma come si sa ogni libro una volta letto finisce per  ingiallire in qualche scaffale. Ora la trasposizione cinematografica del Grande Gatsby ce lo ripropone nei suoi momenti migliori, ricollocando l’autore là dove la sua egomania lo aveva portato. Nel 1925, con la sua golden girl Zelda Fitzgerald, una coppia invidiata, scandalosa, imitata, adorata, con un tenore di vita oltre le loro possibilità. La Quintessenza di un'epoca, a suon di jazz, alcool, balli fino a notte tardi, macchine lussuose e abiti straordinari. Zelda e Scott  erano tutto questo. Il film di Baz Luhrmann  in qualche modo li racconta alla perfezione, personaggi reali dentro il mondo di  Gatsby. E se così fosse al regista  andrebbe proprio il merito di averli “stanati” da quelle pagine, per farceli vedere così com’erano.

Al di là dei lustrini e degli abiti di scena, lontani dai bozzetti di Prada e dalle campagne stampa ridondanti. Solo loro due. In mezzo ad una storia. A certi fuochi d'artificio che poi si sono spenti. Nella casa di cura di Asville, per esempio, dove Zelda fu poi ricoverata e dove in seguito vi morì a causa di un incendio. O dentro quel bagno per uomini quando uno sguardo sconosciuto riflette come uno specchio la realtà. 

Questo sito utilizza i cookies per migliorare il servizio offerto. I cookies impiegati sono solo quelli essenziali per il funzionamento del sito e sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookies e come cancellarli leggi la direttiva europea.

Accetta i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information